Josh Klinghoffer: lo strano comportamento di alcuni fans

Durante un’intervista CTV, il chitarrista del Red Hot Chili PeppersJosh Klinghoffer, ha parlato di come alcuni fans esagerino con il culto della celebrità.

Il giovane musicista californiano sostiene di essersene accorto quando era solito uscire con John Frusciante, l’ex chitarrista del gruppo.

Non mi capita molto spesso. Se Anthony e Flea non fossero stati a cena con noi l’altra sera, probabilmente non sarei stato affatto riconosciuto. Non sono nella band da molto tempo, e uscivo spesso con quei ragazzi. Ero molto amico di John, il chitarrista precedente, e uscivamo insieme, ed era davvero bello incontrare le persone, riconoscerli, diventava tutto strano, iniziavano a fissarti. Ci sono abbastanza abituato.

Di nuovo, le persone spesso sono molto dolci, ma incontri anche gente che non capisce che solo perché suoni in una band famosa e rock and roll, sei anche una persona normale. Non vuoi essere trattato in quel modo, è la cosa più imbarazzante di questo lavoro. Non è salutare camminare in giro ed essere trattato come se fossi un qualcosa di speciale.

Ha anche aggiunto:

Ho passato molto tempo senza essere una rock star. Andavo in tour con questo gruppo come chitarrista supplementare, non sono una rock star, e poi come sono diventato un membro fisso, nulla di me è cambiato, eccetto forse per il fatto che mi possa permettere un affitto. Ma davvero, nulla nella mia vita è cambiato.

Trovo che le persone reagiscano in maniera ingiusta nei tuoi confronti se inizi a comportarti come qualcosa di speciale e importante, inizi a pretendere che la gente faccia cose per te e a impartire ordini agli altri. Uno potrebbe farlo quando viene trattato come un fenomeno strano in pubblico. Io penso che sia una strada a due sensi di marcia: se le persone trattano la gente delle rock band o comunque celebrità in maniera normale, penso sia meno probabile che li veda comportarsi in maniera strana, come se fossero separati dal resto del mondo“.

Con queste parole il nostro peperoncino Josh esprime la sua personale idea sull’atteggiamento di alcuni fans. A noi fanatici del gruppo, di certo non manca il rispetto delle loro persone: perché saranno anche i nostri idoli, avremo anche i loro poster appesi ai muri… Ma sappiamo bene che sono esseri umani anche loro, come tutti noi. E come tali, meritano un atteggiamento e un ‘trattamento’, normale.

A.F.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: